Etichette: , , ,

Un'ora e mezzo di Boosta **

Sì, lo so. Io arrivo tardi e non so tante cose. Così capita che prendo in mano un libro e credo sia appena uscito e mi dico: "toh, guarda, è sicuramente il tipo dei subsonica questo. Scrive anche libri." Però sul retro non c'è scritto che è lui. Strano, mi dico, figurati se non sbandieravano ai quattro venti che il tastierista di uno dei gruppi più "in" dell'italia bene scrive un libro.
Poi ho visto che è della Baldini e Castoldi e che il font dei capitoletti è lo stesso degli album subsonici e ho avuto pochi dubbi. Fatto sta che il libro è del 2005 costava 14.00 euri, all'epoca, e ora è stato semplicemente ristampato in edizione tascabile e costa meno. Mi son detto, dai su, compriamolo.
Sembra carino.
Invece, sono dieci minuti che l'ho finito e mi sono obbligato a lasciar perdere tutto e a venire qui a scrivere queste righe, perchè ho paura. Ho paura che qualcuno, in qualche libreria aperta la domenica, magari reduce dai troppi ascolti del gradevole "L'eclissi", e con in testa quel ritornello supercatchy che gira adesso (liberi...quanto basta per...dare alla tua strada un nome e un'ultima risposta... liberi...), ecco, ho paura che lo compri.
E io non potrei mai averlo sulla coscienza.
Perché questo libro è davvero irritante. Ma irritante forte.
Diciamo così, quali sono le principali colpe di uno scrittore in erba? Ecco, qui ci sono tutte.
C'è la sagra degli stereotipi, soprattutto nei personaggi. Volete un elenco? (il lavapiatti extracomunitario onesto-filosofo? C'è. La cameriera troietta-carina? C'è. L'intervistatrice televisiva arrampicatricediletti? C'è. Lo spacciatore-violento-filosofo? L'ispettoredipolizia-umano? Lo psicopatico-asociale? Il-medico-della-mala-privo-di-scrupoli?
Il-trafficante-di-organi-nei-casini? I-malavitosi-cattivi-e-simpatici? L'adolescente-troietta? L'adolescente-sfigato? La-coppietta-di-poliziotti-innamorata? Ci sono tutti. Tutti e molti altri. Si fatica davvero a trovare una figura che non sia una stereotipo stra-abusato da film e televiosione.
In più, di assolutamente esilarante, c'è che parlano tutti uguale! Farciscono le frasi con decine di parolacce e decine di similitudini. Ma proprio tutti eh. Vi assicuro che la cosa ha dell'incredibile.
Anche perché sembrano tutte frasi studiate a tavolino, messe lì per stupire, per esagerare. Dialoghi completamente innaturali, quasi assurdi.
Non mi credete eh?
Ora faccio una prova e ve lo dimostro: apro il libro a caso, tre volte, e vi assicuro che tre volte su tre trovo un esempio di quello che vi sto dicendo.
Via:
pagina 90:
Ne tira fuori un fazzoletto bianco con il quale deterge la fronte liscia, larga e umida, gesto che compie con una lentezza esasperante. Il fazzoletto scivola qua e là senza coprire mai i piccoli occhi neri e febbricitanti che, fossero stati di un topo, lo avrebbero condannato a morte per rabbia.
Pag. 76
Sul marciapiede antistante si accalcano macchine di servizio e uomini in divisa, come uno strato di gommapiuma, a fare da cuscinetto. Dall'altro lato della strada è sparita la vita normale, come risucchiata da sirene che coprono urla...
Pag. 111
"Ti ho chiesto chi è che ti scopa, di questi due. [...] Insomma è chiaro che tutti e due vogliono infilarsi sotto la tua coda, ma uno... usa la testa solo per separare le orecchie, anche se è decisamente più carino di quest'altro, a sentire aprire la bocca entri in menopausa, l'altro invece...è un cavaliere balbuziente senza macchia ma brutto come un'intera discarica di cofani e parafanghi vista dall'alto, ricco di un fascino piuttosto rarefatto, tanto rarefatto che non esiterei a definire inesistente. "
Ecco, ci siamo capiti no? Tutto il libro va avanti così.
Non che voglia buttare la croce addosso all'autore, ci sono spunti interessanti. C'è comunque una raccolta di espressioni che sono meno banali del solito, però da lì a dire che il libro è riuscito, mi spiace, ma non ce la faccio.
Forse l'abilità è proprio qui: riuscire a non fare affezionare il lettore a nessun personaggio, pur ficcandone dentro a decine e riuscire a farti arrivare alla fine solo per vedere se succede qualcosa diverso da ciò che ti aspetti per scoprire che accade esattamente ciò che ti aspetti.
Taglio corto per dirvi di che parla. Anche qui si è cercato di imitare una struttura alla pulp fiction, con un linguaggio à la Lansdale. Tutto succede in un'ora e mezza con due o tre storie che si incrociano e una miriade di personaggi assolutamente inutili che compaiono e restano sulla scena. A lato di questo mega bordello di reati che s'incrocia in un ristorante, non si sa bene perché, c'è un'altra storia un po' assurda che non c'entra nulla con quella pricipale se non che, accade nei paraggi. Vabbè. Posso dire solo una cosa, libro strettamente consigliato ai fan di Boosta, o comunque a lettori non sgami, che hanno letto poco per motivi di età (16-18anni, direi) e per favore se c'è qualche lettore che viene qui a insultarmi perchè ho detto che il libro è del tutto prescindibile e mi dice che invece non ho capito un cazzo allora DEVE assolutamente andare a leggersi questo, così scoprirà la differenza tra un mondo e una galassia.
Il libro tra l'altro lo consiglierei anche a Boosta stesso, per cui mantengo il massimo rispetto come tastierista, ma come scrittore, beh, c'è ancora molto da lavorare.
Bene, mi sono tolto un peso. :)
Anche perchè ora posso leggermi questo libro, che sarà una figata!
Buona domenica!


Note sul libro:
€ 6.90 - pag. 159
titolo: Un'ora e mezza
Autore: Boosta
edizioni: I tascabili di Baldini e Castoldi
ISBN: cliccate sul link di sopra e lo trovate.

6 commenti:

  1. beh.
    ecco una notizia che avevo sentito vociferare.
    boosta pubblicherà per strade blu.
    bella merda eh?
    sarà che lui è amico di palahniuk.

    RispondiElimina
  2. beh, di palahniuk mi sa che è solo amico di myspace, altro che. :)

    RispondiElimina
  3. Cosa?!?
    Cioè tu mi stai dicendo che il boosta che ha scritto un'ora e mezza è anche il tastierista dei subsonica?
    Vinch

    RispondiElimina
  4. ebbene si, io dire ciò a te.
    impara ciò e farene tesoro
    homm in vitriol
    R.
    :)

    RispondiElimina
  5. grazie, seguirò i tuoi consigli di forte lettore e no, non credo che uscirò per strade blu, non preoccupatevi....ciao e buone letture.

    RispondiElimina