Etichette:

La Mappa delle Idee

Che giorno è oggi? Il 21... sì, il 21 luglio.
Non mi sono nemmeno accorto che luglio è finito. Non ho aggiornato il blog, e adesso, che lo sto per fare, ho deciso di andare a raccogliere il fresco dell'appena piovuto, e quindi, prima ancora di, fuggo via e scriverò questo post più tardi. Giusto per dire che sono ancora vivo.
Rieccomi, è Più tardi. Ho raccolto le more, per farmi la caipi alle more di rovo, stasera. Dopo essere diventato bravo in sangria e hugo ed essermi inventato il gin lime (sintesi tra mojito e gin lemon) e - proprio ieri sera - il gin melon (entrambi da perfezionare) la caipi alle more mi pare il passo successivo migliore.
Dunque, cosa dicevamo...
Ah, sì.
Perché aggiornare il blog, adesso, con questa cosa che ancora non avrete capito bene cos'è e che finirà dritta nella sezione delle gelofigate. Diciamo così, ti succedono cose, di punto in bianco, che ti cambiano del tutto le giornate, e io, da oggi, ho un sacco di tempo libero per riordinare le cose che dovranno togliermi il tempo libero. Quindi, mi sono detto, una delle cose da fare e svuotare il desktop.
Questo file di excel è sul mio desktop da un anno e mezzo, o forse due e mezzo. Non è importante. Era un'idea che mi era venuto non ricordo quando e l'avevo cominciata, abbandonandola poi quando mi mancava poco alla realizzazione.
Ve la spiego così:
Avete presente la canzone dei bluvertigo, quella vecchia, che si chiamava Altre forme di vita?
Quella che, rifacendosi a filosofie più famose, a un certo punto dice "Se non esistessero i pesci, riusciresti a immaginarli?". Ecco, diciamo pure, quindi, che partiamo dall'assunto che le idee nuove non siano altro che mescolanze di vecchie idee mescolate in modo originale o vecchie idee applicate ad ambiti nuovi. Questo non perché si voglia dire che la creatività è un dio minore, ma perché, diciamo così, se io vi chiedo di disegnare un animale che non esiste voi, come me, per quanta fantasia riusciate a rubare dallo scrigno dell'inconscio, finireste per disegnarmi animali composti o derivati da quelli che già esistono. Bene.
Ora pensiamo alla scrittura, ai racconti, al fatto che, quando scrivevo, in passato, non cominciavo a scrivere se non mi accorgevo di avere un'idea che - per il mio sentire e sapere - fosse almeno un minimo degna di tale nome. Ecco... ho pensato, più o meno quasi tutte, ma forse tutte, provengono dalla mescolanza di elementi. Bene.
Infine, riflettete sul concetto, assai interessante, che i vincoli stimolano la creatività, anziché limitarla.
Ecco che, ho pensato, si potrebbe buttar giù una piccola mappa per metterla al livello intermedio tra A) l'assenza di idee, B) l'idea in nuce. Un po' come dire, mettiamola così, uno spunto per rispondere alla domanda: Non so mica cosa scrivere?
Per usarla vi basta un dado. Ce l'avete un dado, no? 
Ma no! Minchiofanti che non siete altro! Mettete giù quei bulloni!
Un dado di quelli coi numeri!
Diciamo, tanto per fissare le idee, che l'ordine sia: righe-colonne-casella.
Aprite l'immagine là sopra e tirate tre volte il dado:immaginiamo che venga fuori: 2-6-3
Quindi riga 2 (quella gialla), colonna 6, interno della casella 3 = FURTO
Poi tirate il dado altre tre volte, diciamo con esito: 1-2-2
Quindi riga arancione, colonna 2 e secondo posto della casella = LIBRO
Bene, ripetiamo l'operazione una terza volta: 5-3-6 = ANIMALE ESTINTO.
Ecco, diciamo basta. 
Ora mettete in moto il cervello e tirate fuori una storia con questi tre elementi, che ne so, un animale, ormai estinto, che aveva la forma di un libro e camminava muovendo le pagine e che è stato ritrovato e rubato... Si, okay, non è granchè, ma insomma, per averlo pensato in trenta secondi non è poi così male.
Insomma, avete capito. Potete scaricarvi la mappa e modificarla a vostro piacimento, cambiare, aggiungere, togliere, tirare più o meno volte i dadi... vedete un po' voi. E' tutto perfezionabile.
A cosa serve tutto questo? A un cazzo, come tutte le cose belle della vita! 
Tuttavia, ditemi se vi piace. A me sì!

19 commenti:

  1. E' una fighissima Gelofigata! Io conoscevo il metodo del libro delle risposte, sì, quel libro dove tu ti fai la domanda e apri una pagina a caso e leggi una risposta alla fallo di Pitbull. Questo metodo mi sembra più funzionale.
    Come al solito ti lovvo, anche se un po' ti odio perché andrai al concerto dei Foo Fighters e io non ci posso andare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh... eh,.... hai ragione, sì. Però intanto lovvami :D

      Elimina
    2. Lovvami, ma di mazzate crepami (semicit.)

      Elimina
    3. Gelo di un Raffaele Serafini (da non confondersi con un altro Serafini, un friul-veneto-giuliano che di nome fa Simone e suonerà sotto un campanile sopra una metropoli con il suo trio jazz-verymonkiano, affermato in all Italy, come già sapete, il 31 luglio alle h 21)... mi sono perso... no, ti riconfermo il mio +1, meritatissimo e vagante.
      Sempre tuo ma non per sempre, ché di cianfrusaglie muoio e poi andrà finire che mi stropiccerò una lente per vederci chiaro, stoppo uno stappo e brindo alla salute.

      Elimina
  2. Diciamo che avresti potuto continuare a non aggiornare il blog, lol.
    D.

    RispondiElimina
  3. Concordo sulla tua ipotesi: è una Gelofigata figossisima!
    Scaricata e stampata. Appena la provo ti faccio sapere i risultati! :D

    RispondiElimina
  4. Credo che ci scriverò un centinaio di libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nooooooooooooooo
      ti prego no! faranno una class action contro di me!

      Elimina
  5. Bella storia!
    Se non ci fossero dovrebbero inventarti, a partire da una mescolanza di elementi già esistenti

    Un saluto,
    Andrea P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ero talmente emozionato che ti ho dato del Vossia...
      fossi

      Andrea P.

      Elimina
    2. Vossia... mmm non è mica male come nome! :) :)

      Elimina
  6. Ma io il tuo blog lo leggo sempre;)
    D.

    RispondiElimina
  7. Originale. Piuttosto e anzichennò.
    Poi ho una collezione di dadi, da quelli a 4 facce a quelli da 12...
    non devo fare altro che lanciarli tutti insieme e vedere che casino ne viene fuori.
    Magari una storia già belleppronta! XD

    RispondiElimina
  8. Amore, Treno, Mare...

    - Amore, prendiamo il treno e andiamo al mare!
    - Ma, caro... noi abitiamo già al mare!
    - Sì, amore, ma nessun altro ha un treno personale con cui andarci direttamente in salotto!
    - Abbiamo un salotto sul mare?
    - No, ma abbiamo un treno. E ci andiamo in due, perché in tre-no.

    Ok, sto delirando. Ma sono le 23, e in casa ho 32 gradi. I numeri palindromi non mi sono mai piaciuti.
    Vado a delirare altrove, và! Buona notte! :)

    RispondiElimina
  9. ahahahahahaha
    fighissima!
    hai appena dato un senso a questa mappa!
    GRAZIE!

    RispondiElimina